Manchette Tippi

Manchette Tippi

Petrosino, scontro D’Alberti-Giacalone su incarico ad Associazione Musikè rappresentata dal cognato del Sindaco.

A Petrosino si registrano ancora degli strascichi dell’ultima campagna elettorale che ha visto la rielezione a sindaco di Gaspare Giacalone. Infatti il suo avversario alla poltrona di primo cittadino, Vincenzo D’Alberti, adesso siede sui banchi del Consiglio comunale a capo dell’opposizione e non manca l’occasione di attaccare il primo cittadino su questioni diverse, così il sindaco Giacalone è costretto, cosa nuova rispetto allo scorso quinquennio ove non si registrava nessuno, o quasi, attacco al suo operato.


Ecco l’ultima nota di Gaspare Giacalone ove si fanno precisazioni sull’organizzazione dell’estate petrosilena:

“Ribadisco che quest’amministrazione comunale resta fortemente impegnata in un approccio di zero privilegi, che non va assolutamente confuso, però, con l’idea di zero diritti per alcuni. Tutti quanti, a prescindere dai rapporti di parentela, hanno il diritto di partecipare a bandi pubblici indetti dal comune. La procedura seguita per la selezione degli eventi dell’estate 2017 è uguale a quella seguita negli anni passati ed è ispirata ai principi di massima trasparenza e legalità. Su oltre 60 appuntamenti in calendario può anche succedere, in una comunità piccola come Petrosino, che qualcuno venga promosso od organizzato da persone che abbiano un rapporto di parentela con gli amministratori. Io mi sono completamente astenuto, come già accaduto in passato, dall’approvazione di qualunque atto deliberativo riguardante l’estate petrosilena, mentre i requisiti di partecipazione al bando sono stati valutati dagli uffici in base a dati oggettivi”. E il sindaco Giacalone conclude: “E’ chiaro che D’Alberti voglia il blocco totale dell’attività amministrativa, alimentando illazioni e calunnie del tutto intollerabili che se fossero assecondate ci porterebbero, per esempio, a non pulire le spiagge, a non predisporre un programma di appuntamenti per l’estate e a non progettare un eco-centro per i rifiuti. Non ci lasceremo intimorire da questi comportamenti. Nel caso specifico, ho già dato mandato di avviare un’azione legale per tutelare la mia onorabilità e la mia immagine”. 

Le “precisazioni” di Giacalone fanno seguito alla nota inviata dai consiglieri Vincenzo D’Alberti, Concetta Vallone, Chiara Sansone e Andrea Marino nella quale si legge:

“Accade che la Giunta comunale di Petrosino (delibera 90 del 21/06/2016) affidi per un importo di qualche migliaio di euro all’associazione Musikè (contattata per le vie brevi, così recita la delibera) di organizzare la serata di apertura dell’estate petrosilena 2016 . È fatto risaputo che l’associazione ha come rappresentante legale Antonino Pulizzi e che questo sia cognato del Sindaco Giacalone. Il sindaco, considerato che si tratta di atti che riguardano parenti ed affini non presiede la giunta e tutto si mantiene nella legalità. Ma noi ci chiediamo è un comportamento etico? È’ opportuno? Quest’anno accade qualcosa di diverso. L’amministrazione comunale approssima un bando per l’estate dove partecipa chiunque voglia organizzare eventi. Non sono previsti costi, visto che non vi è un bilancio approvato, ma l’amministrazione si impegna (art.6 del bando ) a stabilire un contributo per ogni associazione entro dicembre 2017. Il contributo verrà stabilito, si dice nel bando, da funzionari del comune in maniera insindacabile, inappellabile e non impugnabile. Non era stata ancora adottata alcuna delibera ma già il sindaco Giacalone il 7 luglio, non certo con doti divinatorie, programmava la conferenza stampa di presentazione dell’estate e annunciava trionfalmente che la serata inaugurale si sarebbe svolta il 16 luglio. Guarda caso, con la delibera 119 dell’11 luglio 2017, sentita una commissione e valutati i criteri, viene affidata l’organizzazione della serata all’Associazione Musikè cui responsabile è Antonino Pulizzi (il cognato). Ovviamente anche in questo caso il Sindaco non partecipa alla giunta ma partecipa poco dopo alla conferenza stampa, stesso palazzo, stessa giornata. Noi ci chiediamo: tutto questo è legale? Sicuramente si! E’ etico? E’ degno di chi vuole rappresentare le istituzioni? E’ opportuno?”.

Nel frattempo si è riunito il Consiglio comunale, in seduta ordinaria, presieduto da Davide Laudicina. Sono stati approvati tutti i punti all’ordine del giorno. A inizio seduta, l’aula ha proceduto al rinnovo del collegio dei revisori dei conti, per il triennio 2017-2019. L’organismo sarà composto da Giuseppe Gaspare Mulè (presidente), Concetta Petrolo e Antonino Li Petri. I tre nominativi, come da nuova normativa, sono stati estratti a sorte tra i 63 aspiranti revisori che hanno presentato domanda di partecipazione al comune entro il termine di scadenza indicato nel bando.

Dopodiché, il consiglio ha approvato il punto relativo alla modifica del regolamento per l’esercizio delle funzioni di consigliere comunale. Nel dettaglio, l’aula ha approvato la riduzione da 5 a 3 (di cui 2 di maggioranza e 1 di minoranza) del numero dei componenti delle commissioni consiliari permanenti. L’atto deliberativo, proposto dalla giunta comunale presieduta dal sindaco Gaspare Giacalone, è stato approvato all’unanimità dei presenti (8 voti favorevoli su 8). La minoranza è uscita dall’aula e non ha partecipato al voto, poiché non ha condiviso la proposta di riduzione del numero dei componenti. Bocciato anche un emendamento all’atto deliberativo presentato dalla minoranza, che prevedeva il mantenimento di 5 componenti per commissione.

Successivamente, e a seguito di una conferenza di capigruppo tra il presidente Laudicina e i consiglieri Luca Facciolo (Cambia Petrosino) e Vincenzo D’Alberti (Adesso è il Futuro), sono stati eletti i componenti delle tre commissioni consiliari permanenti:
- Commissione affari generali, servizi territoriali alla persona e attività produttive (Caterina Pipitone, Luca Facciolo, Chiara Sansone);
- Commissione lavori pubblici, protezione civile, urbanistica, arredo urbano e polizia municipale (Francesco Zichittella, Fiorenza Pace, Andrea Marino);
- Commissione programmazione finanziaria e gestione delle risorse (Massimo Mezzapelle, Sebastiano Paladino, Concetta Vallone).
Costituite ed elette anche la commissione elettorale comunale (Pace, Saladino e Sansone componenti effettivi, Zichittella, Pipitone e D’Alberti supplenti) e la commissione per la formazione degli elenchi dei giudici popolari (Facciolo, D’Alberti).

Francesco Mezzapelle

20-07-2017 10,00

Condividi

Articoli Correlati

Articoli In Evidenza

Free Joomla 2.5 Extensions Joomla module Joomla Plugin