Manchette Tippi

Manchette Tippi

Trapani, inaugurate le nuove sale operatorie - blocco parto del S. Antonio Abate e ambulatorio dedicato alle apnee ostruttive del sonno

targa abate ospedale prof alberto scioSono state inaugurate mercoledì pomeriggio le sale del nuovo blocco parto dell’ospedale Sant’Antonio Abate. Mancava da otto anni in ospedale un complesso operatorio esclusivamente dedicato all’ostetricia. Per l’occasione i nuovi locali sono stati intitolati al prof. Alberto Scio, già primario di ostetricia e ginecologia del presidio ospedaliero trapanese, libero docente all’università di Palermo e direttore della scuola di ostetricia di Trapani.

Sono intervenuti alla cerimonia l’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi, il commissario straordinario dell’ASP di Trapani Giovanni Bavetta, il vescovo della diocesi Pietro Maria Fragnelli, il direttore medico dell’ospedale Francesco Giurlanda, la signora Anna Maria Scio e il primario del reparto Francesca Paola Maltese, che di Scio è stata allieva.
Il blocco parto dedicato a ostetricia, con sale parto e sale operatorie per i cesarei si trova al quinto piano, mentre la ginecologia utilizzerà le sale del secondo piano, insieme alle altre branche chirurgiche.
Il S. Antonio diviene così un centro HUB per il sistema provinciale, con quattro sale parto, di cui due anche sale operatorie, e quattro postazioni letti travaglio.
“Ho passato un anno molto bello alla guida di questo reparto – ha detto Bavetta – e qui ho pensato di modificare il blocco parto secondo alcune indicazioni, e vederlo ora completato mi rende felice. Si tratta di locali realizzati con concetti innovativi, con apparecchiature di ultima generazione e multimediali, con anche un impianto di teleconferenza per potere fare formazione per gli allievi ostetrici. L’aver dedicato il reparto a Scio, non è un atto solo simbolico, ma indica un esempio da seguire. E’ stato un maestro per tanti, dal punto di vista professionale ma anche per la sua umanità, a dimostrazione che nessuno muore quando resta nella memoria di tutti”.
L’assessore Gucciardi ha ringraziato gli operatori sanitari del reparto per la loro dedizione e per la passione che profondono nel lavoro. “Privilegiare il rapporto umano – ha aggiunto – esalta la professionalità di tutti. Questo ospedale, grazie anche alle dotazioni di cui si va fornendo, offre oggi una sanità di qualità, e con il piano triennale di fabbisogno del personale che l’ASP ha appena presentato, guardiamo al futuro con serenità e fiducia”.

Attivato all’ospedale Sant’Antonio Abate un ambulatorio dedicato alle apnee ostruttive del sonno. L’iniziativa è del direttore dell’unità operativa complessa di Otorinolaringoiatria del nosocomio trapanese Carlo Gianformaggio.
“A seguito dell’acquisto di due polisonnigrafi da parte del reparto – spiega Gianformaggio - abbiamo deciso di attivare questo servizio dedicato allo studio, alla diagnosi e alla terapia della patologie relative alle apneee ostruttive del sonno”.
La sindrome OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome) è caratterizzata da ripetuti episodi di completa, parziale o prolungata ostruzione delle vie aeree superiori durante il sonno, normalmente associati a una riduzione della saturazione di ossigeno nel sangue. I segni più comuni includono il "sonno senza riposo" e un forte russamento alternato da rantoli.
“Mi congratulo con il dottore Gianformaggio per l’iniziativa – commenta il commissario straordinario dell’ASP Giovanni Bavetta – e lo ringrazio per la sensibilità dimostrata nei confronti di questi cittadini affetti da questa patologia”.
L’ambulatorio sarà aperto ogni lunedì pomeriggio, a partire dal prossimo 3 luglio, e fruibile previa prenotazione in reparto.

Comunicato stampa
30/6/2017

Condividi

Articoli In Evidenza

Free Joomla 2.5 Extensions Joomla module Joomla Plugin