Acqua pubblica e potabile: "la soluzione facile non è quella giusta"

Nota congiunta di associazioni su iniziative intraprese dai sindaci di Mazara, Marsala e Petrosino

Redazione Prima Pagina Marsala
Redazione Prima Pagina Marsala
26 Marzo 2022 11:58
Acqua pubblica e potabile:

La soluzione facile non è quella giusta.

I sindaci delle tre città, Mazara del Vallo, Petrosino e Marsala hanno scelto la soluzione facile, hanno delegato SICILIACQUE a risolvere il problema della carenza di acqua e dell’inquinamento da nitrati nelle rispettive città.Se non si è capaci si delega.Noi vogliamo sindaci capaci. Capaci di fare il bene dei cittadini.Se l’acqua è inquinata, bisogna ricercare le cause dell’inquinamento, chi lo determina, obbligarlo al disinquinamento e, nell’immediato, attraverso la depurazione fatta in proprio, garantire acqua potabile.Se fosse giusta la soluzione facile adottata dai tre sindaci, noi avremmo risolto il problema per sempre, ma così non è.

Pensate, se tutti i sindaci delle città inquinate da nitrati - e sono tanti- adottassero la stessa soluzione, allora anche quelle falde ancora non inquinate, a cui attingerebbero, finirebbero per esaurirsi e pure inquinarsi, perché, nel contempo, chi inquina continuerebbe a inquinare e tutta l’acqua sarebbe perduta.Il problema dei nitrati non è locale, è nazionale e mondiale. E’ conseguenza di una industrializzazione ad oltranza, a dispetto dei danni ambientali.In questo processo ben si inseriscono le multinazionali, e fra queste SICILIACQUE, che, partendo dai governi nazionali, fino ad arrivare ai locali, si propongono come riparatori del danno.

Si camuffano da benefattori dell’umanità, presentano progetti buoni per rimpinguare le loro tasche e asciugare quelle dei cittadini, ottengono gratis un bene di valore inestimabile come l’ACQUA e pure lauti finanziamenti per gestirne la distribuzione.I cittadini, uniti, possono arrestare questo processo agendo in direzione opposta.In Italia, i comuni sono il luogo preposto all’esercizio della democrazia, attraverso l’azione dei cittadini uniti, il sindaco opera e promuove la democrazia.

I cittadini hanno potere.

Essi devono convincersi di non essere sudditi, sono gli attori primi nel processo di cambiamento verso una società rispettosa dell’ambiente, più giusta, più equa, più a misura di uomo.Il Comitato Cittadino per la Tutela delle Risorse Idriche e Ambientali del Territorio di Mazara del Vallo, l’Associazione Pro Capo feto e il gruppo Mazara Asciutta stanno spendendo tutte le loro energie per mobilitare la cittadinanza affinché venga garantita l’acqua potabile, e tutti i giorni, e sia impedita la privatizzazione.

NOTA STAMPA

In evidenza