Fine settimana impegnativo per la guardia costiera, soccorse 13 persone in mare

Primo week end di settembre impegnativo per la Guardia costiera, che ha soccorso 13 persone ed una imbarcazione

Redazione Prima Pagina Marsala
Redazione Prima Pagina Marsala
06 Settembre 2021 12:28
Fine settimana impegnativo per la guardia costiera, soccorse 13 persone in mare

Primo week end di settembre impegnativo per la Guardia costiera di Trapani, che ha soccorso 13 persone ed una imbarcazione da diporto a vela, prestando soccorso ad altre unita’ in difficolta’.

Il primo intervento gia’ alle 5 e mezzo della mattina di sabato, quando una barca a vela con 4 diportisti francesi a bordo (due adulti e due bambini), a causa del forte vento e del mare agitato, non riusciva piu’ a rimanere alla fonda in rada davanti Marsala e si andava ad incagliare sugli scogli antistanti in fanale verde del porto.

Immediatamente interveniva la motovedetta cp 330 da Trapani ed il gommone b33 dell’ufficio circondariale marittimo di Marsala, che inviava anche una pattuglia automunita a terra, quest’ultima riusciva a soccorrere i quattro francesi nel frattempo scesi sulla scogliera mentre le motovedette mettevano in sicurezza l’unita’ incagliata per agevolarne il successivo recupero.

Nel primo pomeriggio di sabato sempre una pattuglia a terra della capitaneria di porto di Trapani, in coordinamento con l’equipaggio della motovodetta cp 770, interveniva in localita’ Pizzolungo nel comune di Erice dove era stato segnalato un bagnante in difficolta’, che a causa delle correnti e del forte vento non riusciva a ritornare a riva.

Anche in questo caso i militari automuniti, giunti sul luogo della segnalazione, individuavano subito la persona in difficolta’ (un ragazzo trapanese di 23 anni) ed agevolavano il suo recupero da mare lanciandogli un salvagente, a cui il malcapitato riusciva ad aggrapparsi, per poi essere recuperato subito dopo da mare dalla motovedetta cp 770 nel frattempo giunta in prossimita’ degli scogli, salvando il ragazzo gia’ in preda al panico e visibilmente provato.

Domenica alle ore 16:30 circa, la sala operativa della Capitaneria di porto di Trapani coordinava le operazioni di assisstenza e soccorso di un natante semicabinato lungo circa 10 mt. Con 8 persone a bordo (4 adulti e 4 bambini), che, durante la navigazione in prossimita’ della localita’ denominata “grotta della madonnina” a Castellammare del golfo, improvvisamente imbarcava acqua e veniva prontamente soccorso da un’altra imbarcazione di passaggio che lo rimorchiava fino al porto, con l’assistenza del gommone penumatico g.c. b36 partito dalla delegazione di spiaggia di San Vito lo capo per intervenire nel corso dell’emergenza e da una ulteriore unita’ privata con a bordo il titolare dell’ufficio marittimo di castellammare, anch’esso sopraggiunto sul luogo del sinitro.

I numerosi interventi svolti, tutti andati a buon fine, sono l’occasione per ricordare ai bagnanti e diportisti di verificare attentamente l’evolversi delle condizioni meteomarine prima tuffarsi in mare od iniziare la navigazione, altrimenti l’improvviso peggioramento del mare e del vento potrebbero causare pericolose situazioni da afforntare.

In evidenza