Chi sarà il prossimo Sindaco di Marsala? I pronostici degli stessi candidati

Redazione Prima Pagina Marsala
Redazione Prima Pagina Marsala
29 Maggio 2015 16:08
Chi sarà il  prossimo Sindaco di Marsala? I pronostici degli stessi candidati

“Domenica e lunedì i cittadini andranno a votare e Marsala finalmente avrà il suo nuovo sindaco, Alberto Di Girolamo, che sarà eletto al primo turno”, così lo stesso candidato sindaco (sostenuto da Pd, Psi, Democratici X Marsala, Una Voce per Marsala e Cambiamo Marsala) facendo un pronostico sull’esito delle amministrative del 31 maggio e del 1° giugno. “In questi giorni di campagna 

elettorale- continua- migliaia di persone ci hanno seguito con entusiasmo, talvolta anche mettendo a disposizione le loro case e i loro salotti. I marsalesi hanno compreso di avere di fronte a loro una persona onesta, seria e competente, che ha saputo realizzare delle cose, che ha fatto il medico ma che è stato anche in grado di dirigere il reparto cardiologia di Trapani facendolo divenire un’eccellenza siciliana, e che sarà capace di amministrare questa città nel migliore dei modi”. “Noi non facciamo promesse a vuoto ai cittadini sapendo già che non potremmo mantenerle- ci tiene a puntualizzare Di Girolamo- il nostro programma elettorale è fatto di progetti realizzabili, più concreti”.

“La mia scommessa è vincere al primo turno- dice Massimo Grillo, la cui candidatura è sostenuta da Udc Sicilia, Sicilia Democratica, LiberalDemocratici per Marsala, Futuro per Marsala, Progettiamo Marsala, Amare Marsala, Forza Marsala e Oltre i colori - ho fiducia nell’elettorato marsalese e sono certo che vincerà il progetto migliore per la città”. “Sono molto contento del riscontro avuto in campagna elettorale- continua-, con i cittadini abbiamo avuto un confronto intelligente e dai toni pacati, concentrato sulle idee e sui 5 progetti, tutti realizzabili, che proponiamo nel nostro programma elettorale.

Per noi ogni idea proposta è una responsabilità, i cittadini e le 8 liste che mi sostengono sanno che possono contare su una persona affidabile e credono in un’amministrazione che coniuga l’esperienza e l’entusiasmo della giovinezza insieme. L’unica mia amarezza è non avere potuto dare la possibilità ai cittadini di assistere ad un confronto pubblico tra i candidati sindaco, credo fosse un diritto per i marsalesi, un’opportunità in più per fare una scelta migliore”. 

Un po’ meno ottimisti dei primi due- a ragione perchè sostenuti da una sola lista l'uno a fronte delle 5 a sostegno di Di Girolamo e delle 8 a sostegno di Grillo- gli altri due candidati a sindaco della città di Marsala, Antonio Angileri e Vito Armato, entrambi pensano di poter riuscire a entrare in gara ad un eventuale ballottaggio.

“Pensiamo di essere in grado di andare al ballottaggio- dichiara Antonio Angileri, il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle- Prima di questa campagna elettorale, il Movimento Cinque Stelle a Marsala non aveva molta presa, ad oggi invece esiste un elettorato del Movimento Cinque Stelle. Il bilancio della nostra campagna elettorale, che abbiamo fatto con i nostri soli mezzi, è più che positivo: siamo riusciti nell’intento di creare una struttura politica del M5S a Marsala, i cittadini hanno partecipato numerosi ai nostri incontri e ci è giunto un calore e un affetto che non ci saremmo mai aspettati.

Tanto che negli ultimi giorni abbiamo percepito anche il timore dei candidati avversari nei nostri confronti”. “Chi voterà me come Sindaco di Marsala, non voterà soltanto la mia persona, ma il rappresentante di una squadra eccezionale, che è fatta di persone più che valide. Se diverrò sindaco, la città di Marsala avrà un’amministrazione fatta di persone con competenze al di sopra della media”.

“La nostra campagna elettorale è stata piuttosto vivace- dichiara il candidato sindaco Vito Armato, sostenuto dal movimento Noi con Salvini- ma alla fine l’esito è più che positivo. Da marzo, quando Noi con Salvini a Marsala era un partito neonato, le cose sono rivoluzionate. Molti cittadini ci fermano per strada e ci dicono che voteranno per noi. Questo perché hanno preso visione dei nostri progetti e li hanno condivisi, hanno compreso che abbiamo a cuore le sorti della nostra città.

I nostri, infatti, sono progetti a costo zero, realizzabili con piccoli investimenti e con le somme ricavate dalla riduzione della pressione fiscale, che insieme alla sicurezza sono i primi due punti del nostro programma elettorale”. “Ad oggi- continua- abbiamo tutte le carte in regola per poter andare al ballottaggio e successivamente vincere le elezioni, se i cittadini non si faranno abbindolare dalle solite persone e dalle solite promesse, potremmo finalmente dare una spallata alle vecchie strutture politiche e partitiche, e dare risposte ai cittadini”.

 Pamela Giampino

29-05-2015 18,00

 {fshare}

In evidenza