Incendio nell'ericino, il desolante "day after"

Amaro risveglio per parte del territorio ericino protagonista ieri di un brutto incendio. Oggi la conta dei danni

Mirko
Mirko Ditta
07 Giugno 2021 13:39
Incendio nell'ericino, il desolante

Di nuovo. E chissà quante altre volte ancora. Il risveglio è stato di quelli traumatici ma ormai figlio di un'abitudine radicata in questo periodo dell'anno. Ancora fuoco, altra vegetazione carbonizzata e conta dei danni ancora da misurare.

La stagione è stata inaugurata ieri prima delle 17 quando il rogo ha iniziato ad espandersi poco sopra la Cittadella della Salute. La situazione è precipitata nel giro di pochi minuti con le fiamme che si sono diffuse dapprima nelle zone di Martogna, successivamente a San Cusumano per essere poi contenuto all'ingresso di Pizzolungo e spento nel corso della prima serata. Immediati gli interventi da parte della Protezione Civile e delle Guardie Forestali; nelle aree inaccessibili per i mezzi di terra sono stati dispiegati diversi elicotteri della Forestale. Nel tardo pomeriggio l'arrivo di Canadair provenienti da Lamezia Terme per sedare le fiamme.

Interruzioni e deviazioni da e per Trapani all'altezza di Pizzolungo. Problemi anche alla linea Tim a causa del rogo che ha distrutto vari cavi. 

La situazione è rientrata attorno alle 20.30 sebbene alcune lingue di fuoco siano rimaste accese fino a tarda serata, prima della pioggia in nottata, lungo la strada provinciale 20 nei pressi della Stele d'Anchise.

In evidenza