Vita, Primo consiglio comunale per il nuovo baby sindaco e i baby consiglieri

Il neo eletto baby consiglio ha potuto vivere personalmente l'esperienza del primo consiglio comunale

Valentina
Valentina Mirto
03 Maggio 2021 11:25
Vita, Primo consiglio comunale per il nuovo baby sindaco e i baby consiglieri

Vita. Mercoledì 28 aprile, all’interno dei locali dell’Auditorium del Centro sociale è stata trasmessa per la prima volta, in diretta streaming, la seduta del Consiglio comunale. A rendere ancor più particolare la seduta è stata la partecipazione del baby sindaco e del baby consiglio comunale, eletto lo scorso mese di febbraio.

Grazie all’iniziativa voluta fortemente dall’Amministrazione, i ragazzi hanno innanzitutto preso coscienza di come si svolge un Consiglio comunale, avendo anche la possibilità di presentare delle proposte, di calendarizzarle, discuterle e infine votarle. A prendere subito la parola è stata il baby sindaco Sofia Artista, che con grande sicurezza e determinazione ha egregiamente condotto la seduta. Dopo aver proceduto con l’appello dei consiglieri presenti ha dichiarato: «Sono onorata di essere qui oggi e, se ci sono arrivata, è grazie ai miei genitori, che mi hanno sostenuta sin da subito; grazie alle mie professoresse/i, a chi mi ha eletto e un particolare ringraziamento va al sindaco e al presidente del Consiglio comunale per aver dato l’opportunità a me e alla mia Giunta di esprimere ed esporre le nostre idee.

Saremo sicuramente propositivi per il bene della nostra piccola cittadinanza e allo stesso tempo vigileremo sul vostro operato, perché ci basiamo su regole di sviluppo e legalità». A tal proposito è stato presentato il progetto della legalità promosso dalla Pro loco Vitese e dal Consorzio della legalità e dello sviluppo trapanese, in cui i dieci ragazzi diventati facilitatori della legalità, domenica 9 maggio (data in cui ricorre l’anniversario della morte di Peppino Impastato) racconteranno ciò che hanno fatto durante questo progetto.

La parola è poi passata ai due assessori che hanno elencato i punti al centro del proprio programma. Sofia Scianni, assessore per le politiche ambientali, ha ricordato l’importanza della salvaguardia dell’ambiente, e della necessità di evitare di creare rifiuti inquinati. La prima richiesta, giunta dai ragazzi, consiste nell’installare dei boccioni di acqua potabile all’interno della scuola (in modo tale da riempire le proprie borracce quando necessario, senza utilizzare altra plastica).

Altra esigenza, particolarmente sentita in questo periodo di pandemia, è quella di poter stare il più possibile all’aperto. La richiesta, in questo caso, consiste nell’installazione di alcune panchine all’interno del cortile della scuola. L’assessore all’istruzione, alla cultura, allo sport e al tempo libero Nicolò Catania ha posto l’attenzione sulla necessità per i giovani di fare movimento e sport. Da qui nasce la richiesta di riattivare il palasport e non solo, anche di rendere più sicuro il cortile della scuola, unico luogo deputato a svolgere attività fisica.

Un altro passaggio importante riguarda la riattivazione del servizio di scuola bus e la riapertura della biblioteca, chiusa da ormai cinque anni.

Dopo la votazione dei punti all’ordine del giorno, che ha visto tutti i consiglieri favorevoli, il sindaco di Vita Giuseppe Riserbato ha preso la parola, complimentandosi con il baby sindaco e i baby consiglieri per l’impegno messo e per le proposte presentate, tutte molto interessanti e degne di nota. «Auspico in un rapporto di collaborazione e confronto diretto e continuo, in modo tale da pianificare quello che è possibile realizzare nel breve e lungo termine». 

In evidenza